Giornata di sensibilizzazione sugli squali



Quando pensi agli squali, il tuo primo pensiero potrebbe essere che siano spaventosi, ma sono davvero i terrificanti predatori che pensiamo siano? O sono solo fraintesi? Mentre alcune specie, come il grande squalo bianco o lo squalo tigre, possono essere una minaccia per l'uomo, in realtà ci sono oltre 500 specie di squali, e hanno dimensioni variabili dal più piccolo squalo lanterna nano, che è lungo 20 cm, al il più grande - lo squalo balena - che raggiunge i 12 metri di lunghezza e si nutre di minuscolo plancton.

Oggi è il giorno della sensibilizzazione sugli squali, che sembra una buona opportunità per celebrare queste fantastiche creature oceaniche con alcuni fatti affascinanti, e talvolta sfatati! Ad esempio, sapevi che hai più probabilità di essere ucciso da una noce di cocco che cade che da uno squalo?





In primo luogo, cosa sono gli squali? Sono pesci cartilaginei, il che significa che il loro scheletro è fatto di cartilagine piuttosto che di ossa. La cartilagine è più leggera e più flessibile, il che consente agli squali di nuotare più velocemente, utilizzare meno energia e virare più velocemente, aumentando le loro capacità predatorie.

Sensi di squalo

Vivere nell'oceano può essere difficile. Poca luce raggiunge le acque torbide e profonde, quindi per sopravvivere gli animali marini spesso finiscono per fare affidamento su altri sensi. Gli squali non sono diversi, hanno un eccellente senso dell'olfatto e possono persino percepire vibrazioni e segnali elettrici.



  • Vista- Sebbene non sia il loro senso più forte, la vista è comunque importante per gli squali ei loro occhi sono particolarmente adatti per condizioni di scarsa illuminazione. I loro occhi sono posizionati a lato della testa, il che offre loro una buona visuale in tutte le direzioni. Ma è solo quando sono vicini a un oggetto che la vista diventa più significativa.
  • Odore- Gli squali hanno un incredibile senso dell'olfatto, utilizzandolo per rilevare l'odore di predatori, prede e potenziali compagni. Alcuni nasi di squalo sono così sensibili da poter rilevare una parte di sangue in un milione di parti di acqua di mare.
  • Suono- Il suono viaggia meglio sott'acqua che in aria, quindi il suono è uno dei primi modi in cui uno squalo rileva la preda; sono più sensibili al suono a bassa frequenza. Le loro orecchie sono interne con solo un minuscolo foro visibile all'esterno del corpo, ma hanno anche una linea laterale che corre lungo il lato del corpo e consente loro di rilevare le vibrazioni. La linea laterale è un canale riempito con una sostanza gelatinosa e minuscoli peli, che è collegato con l'acqua circostante attraverso una serie di pori. Quando le vibrazioni si diffondono nell'acqua, disturbano i peli, alterando lo squalo al suono e alle vibrazioni.
  • Elettroricezione- Gli squali hanno un organo gelatinoso, noto come ampolle di Lorenzini, nella loro testa che è pieno di elettrorecettori in grado di rilevare segnali elettrici. Ciò include il campo geomagnetico terrestre, che viene utilizzato per l'orientamento e la navigazione.

Ruolo degli squali nell'ecosistema

Gli squali sono spesso in cima alla catena alimentare, quindi essenziali per controllare il numero di prede. Non solo tendono a predare animali deboli o malati, il che mantiene sane le popolazioni di prede e forti pool genetici, ma la rimozione di un gran numero di squali ha il potenziale per causare un aumento del numero di altre specie, il che può avere impatti negativi sull'ecosistema come un'intera. Ad esempio, in alcune aree, la riduzione del numero di squali può aumentare la quantità di tartarughe marine che pascolano sulle praterie marine, il che è dannoso per la salute dei prati. Questo a sua volta può avere impatti negativi sul cambiamento climatico perché grandi quantità di carbonio vengono rilasciate nell'atmosfera.

Gli esseri umani non sono preda degli squali

Sebbene gli squali siano noti per attaccare gli esseri umani, potrebbe sorprenderti sapere che gli umani non sono la loro preda naturale. Solo una manciata di specie sono considerate pericolose: il grande squalo bianco, lo squalo martello, lo squalo tigre, lo squalo mako e lo squalo toro. E, spesso, quando gli squali attaccano è un caso di identità sbagliata. Per uno squalo cacciatore, non è sempre facile capire la differenza tra un surfista o una foca, che preda naturalmente. I morsi sono spesso esplorativi per vedere se ciò che hanno trovato è cibo o gli attacchi potrebbero essere una forma di difesa. Gli squali sono estremamente territoriali e attaccheranno per difendere o proteggere se stessi e il loro territorio. Ma, anche così, molti più squali vengono uccisi dagli esseri umani rispetto agli esseri umani uccisi dagli squali, e siamo ancora più propensi a essere schiacciati da tappi di champagne volanti!

Salva



Condividere

Articoli Interessanti